Chiesa di San Marco Evangelista

Descrizione

La chiesa parrocchiale di Borghetto, dedicata a San Marco Evangelista, fu costruita  nel 1759, come riporta l’iscrizione sulla facciata, sui resti di una antica pieve romanica, annessa al monastero di Santa Maria, costruito sulla riva sinistra del Mincio fra l’XI e il XII secolo e di cui si ha una prima testimonianza in una bolla pontificia del 1145.

Il monastero, che svolgeva principalmente opera di assistenza a viandanti e pellegrini, fu controllato dalla’Abbazia veronese di San Zeno fino al 1331, quando la Signoria Scaligera lo inglobò nelle fortificazioni del Serraglio, cingendolo con alte mura merlate, torri di difesa e ponti levatoi.

Lo stile architettonico è neoclassico, di assoluta semplicità, con l’interno a navata unica con volta ribassata.

Entrando, sulla sinistra, il dipinto di Giovanni Caliari del 1835, dedicato alla Vergine con Bambino, è testimone dell’antica devozione mariana del borgo; l’altare successivo è invece dedicato a San Giuseppe.

Sul lato opposto, il primo altare incornicia una notevole pala settecentesca raffigurante la Madonna circondata da San Francesco, Sant’Antonio, San Pietro, Santa Caterina e San Carlo Borromeo, mentre in quello successivo è inserito un grande crocifisso ligneo del seicento.

Vicino all’altare di San Giuseppe rimangono alcuni affreschi superstiti dell’antica pieve, tra cui un San Bartolomeo incorniciato.

All’esterno, sul sagrato, alcune lapidi in marmo riportano iscrizioni dedicate alla memoria delle principali battaglie combattute sulle rive del Mincio.

Nell’angolo a sinistra, un piccolo cancelletto porta all’antico cimitero, retrostante la chiesa, da dove è possibile ammirare l’abside triconca dell’originaria chiesetta romanica, e alla torre campanaria, ricavata nella vecchia torre scaligera, dove è ancora conservata una campana del 1381.

Nei pressi del piccolo ponte di San Marco, che porta alla riva opposta, nelle vecchie mura è incastonata una statua di S.Giovanni Nepumoceno, martire boemo, che per tradizione protegge dall’annegamento coloro che cadono nelle acque del fiume.

Come arrivare

Da Valeggio sul Mincio, circa 1 km

Contatta le Terre del Custoza

*
*
*
*