Chiesa Parrocchiale di Palazzolo

Descrizione

La chiesa parrocchiale di Palazzolo è dedicata ai Santi Giacomo e Giustina e fu eretta nella sede attuale trasformando un oratorio di San Giacomo esistente già nel 1473.

La facciata è di ordine corinzio con un frontone sorretto da quattro grandi colonne e presenta un’esedra che contorna il portale. All’interno si trovano altari in stile barocco residui del vecchio oratorio e dedicati a San Luigi, con una pala di G. Caliari; un altro è dedicato a Sant’Antonio dei Guglienzi e uno ulteriore è dedicato a Santa Costanza.

All'interno, l'abside presenta nel catino un Cristo in gloria attorniato da Santi e una pala inferiore raffigurante una Madonna col Bambino e i Santi Gioacchino, Anna, Giuseppe e Filippo Neri.

Alcuni pregevoli dipinti raffigurano Agar e l’Angelo e Abramo e i tre Angeli . attribuibile alla scuola del Brusasorci è una Madonna in trono con Bambino fra un Papa e Santa Giustina. Sopra l’entrata della cappella del Crocefisso una tela rappresenta la Supplica di San Giacomo.

Trovano posto in chiesa anche dei Crocefissi lignei, alcune pale e tele oltre a un organo del XIX secolo.

Particolari sono i relitti di marmi antichi ben lavorati ed incastonati alle pareti, presumibilmente pezzi di un preesistente ciborio.

Come arrivare

Da Verona e da Peschiera del Garda percorrendo la strada regionale n. 11, presso la località Bosco di Sona, al semaforo prendere la direzione per Palazzolo. 

Autostrada A4 Venezia Milano: uscita al casello Sommacampagna, alla rotonda a sinistra in direzione Sona / Bussolengo. Dopo 4 km circa, continuare in direzione Bussolengo; dopo il sottopasso girare a destra per la strada regionale n. 11 in direzione Peschiera del Garda. Presso la località Bosco di Sona, al semaforo prendere la direzione per Palazzolo.

Autostrada A22 Brennero Modena: uscita al casello Verona Nord, direzione Peschiera del Garda – strada regionale n. 11. In località Bosco di Sona, al semaforo prendere la direzione per Palazzolo.

Contatta le Terre del Custoza

*
*
*
*